Teatro Telaio

Il Teatro Telaio diventa Telaio di Sera

News del 25 gennaio 2019

Fare teatro non è mai stato, per il Teatro Telaio, solo un gioco da ragazzi, e d'ora in poi, questo fatto diventerà ancora più evidente.
Il Teatro Telaio, compagnia nota soprattutto per le attività di teatro ragazzi con le quali si è affermata in Italia e all’estero, da alcuni anni, infatti, dedica una parte del suo lavoro anche alla produzione e organizzazione di spettacoli rivolti al pubblico adulto. Da quest'anno questi eventi singoli e minirassegne organizzate in collaborazione con diversi comuni o privati, diventeranno un'unica programmazione/circuito che sarà proposta attraverso il logo Il Telaio di Sera.

Dopo aver ospitato la compagnia Teatro Evento al Teatro Parrocchiale di Roncadelle con lo spettacolo NEMMENO CON UN FIORE lo scorso 25 novembre, in occasione della giornata contro la violenza sulle donne, ecco le attività in programma per il 2019:

A Castegnato, in collaborazione con l'Amministrazione Comunale, la piccola rassegna di teatro civile Memorie, alla sua seconda edizione, per non dimenticare due avvenimenti della storia del secolo scorso: la Shoa e l'esodo dalmata - giuliano. Ingresso gratuito.

Domenica 27 gennaio ore 18.00 – Centro Civico di Castegnato – L’AUSTRIACA nuova produzione di Teatro Telaio in collaborazione con Sabine Uitz di Viarosse Teatro
Cos'è la patria? Forse l'unica patria dell'essere umano non è un luogo fisico ma la sua infanzia, come diceva Rilke; forse è una lingua, un insieme di persone, un riconoscere suoni, profumi, voci, oggetti. Ognuno di noi porta con sé un'eredità... La famiglia, la madrelingua, il paese... Quali sono i sentimenti veri che abbiamo quando parliamo della nostra patria? E a che cosa si riferiscono esattamente questi sentimenti? Lo spettacolo vuole proporre e stimolare una riflessione su questioni importanti: la patria, il paese, l'identità, ma anche il perdono e la colpa.

Domenica 10 febbraio ore 18.00 - Centro Civico di Castegnato – ESODO di Confraternita del Chianti
Rudi non è mai emigrato, ma tanti ne ha visti partire, sul Toscana, il piroscafo che portava gli esuli in Italia. Rudi è un istriano di Pola, come il bambino di dieci anni cui decide di raccontare la sua storia. Una storia rocambolesca fatta di bombe, di zanzare, di barche e di Alida Valli. Ma Rudi non è il solo personaggio di “ESODO pentateuco #2”: Diego Runko recita in quattro lingue per dar vita al giornalista croato alle prime armi, al soldato inglese tifoso del Liverpool, al prete partigiano, al ragazzo di Pola che pesca con le bombe per la prima volta in vita sua. A fare da cornice, due date simbolo: il 25 giugno 1991, giorno dell'Indipendenza della Croazia, e il 18 agosto 1946, giorno in cui una bomba sulla spiaggia di Vergarolla segna simbolicamente l'inizio dell'Esodo. Una bomba che uccide più di sessanta persone, ma che non viene rivendicata da nessuno. Sono passati quasi settant’anni e ancora non si conoscono i nomi dei colpevoli.

Dedicata al teatro civile e alla Shoa anche la collaborazione con l'Università degli Studi di Brescia, che metterà in scena per quattro volte lo spettacolo l'Austriaca, ad ingresso gratuito all'interno delle diverse sedi di facoltà:
Giovedì 31 gennaio ore 11.00 Sala Studio via S. Faustino 74/B Brescia
Giovedì 31 gennaio ore 20.30 Galleria delle Sfingi via S. Faustino 41 Brescia
Lunedì 4 febbraio ore 10.00 Sala Consiliare viale Europa 11 Brescia
Lunedì 4 febbraio ore 15.00 Aula Magna viale Brianze 38 Brescia

Più leggera la programmazione a Capriolo, dove andrà in scena la quarta edizione della Rassegna Teatrale BCC Basso Sebino con il sostegno della Banca BCC Basso Sebino, sempre a ingresso gratuito. Gli spettacoli in programma sono i seguenti:
Sabato 9 marzo ore 21.00 – Auditorium BCC di Capriolo – LE SOMMELIER di Compagnia Freakclown (ovvero Alessandro Vallin e Stefano Locati già acrobati clown per Le Cirque de Soleil)
Una degustazione ad alto tasso di comicita’, uno spettacolo in divenire; tra calici e bottiglie volanti, equilibrismi estremi, bicchieri musicali e bottiglie sonore i Freakclown esplorano il mondo dell’enologia a loro modo, con una comicita’ fisica ed originale. I due si trasformano in improbabili sommellier, dando vita ad uno spettacolo che mischia musica dal vivo, strumenti originali ed unici, acrobatica, magia e poesia in una scenografia luminosa e misteriosa. Tra battute surreali e virtuosismi enologici questa volta I Freakclown vi porteranno nel magico mondo del vino.

Sabato 16 marzo ore 21.00 - Auditorium BCC di Capriolo – ENDURANCE. UN RACCONTO VERO di Compagnia Teatrale Prometeo
Teatro di narrazione. Era il 1916. Giorno trenta del mese di agosto. Il fotografo di bordo dell’Endurance, Frank Hurley, scattò una foto ai suoi compagni dopo oltre diciotto mesi di permanenza nella loro prigione di ghiaccio e la intitolò “Il salvataggio”. Ma era una bugia.
In realtà era il ventiquattro aprile del 1916 e la foto ritraeva la partenza della piccola imbarcazione James Caird, scialuppa dell’Endurance, con a bordo Ernest Shackleton e cinque dei suoi uomini. Si stavano preparando ad affrontare ottocento miglia, millecinquecento chilometri di navigazione nell’Oceano Australe. Avrebbero incontrato le lunghe onde di Capo Horn, quelle che fanno il giro del mondo senza incontrare terra, alte fino a venti metri. Avrebbero combattuto e convissuto con venti che sarebbero arrivati fino a ottanta nodi, centocinquanta chilometri all'ora. Su una scialuppa scoperta, senza ponte, della lunghezza di sei metri e mezzo. Per salvare i ventotto uomini della Spedizione Transantartica Imperiale

Sabato 23 marzo ore 21.00 - Auditorium BCC di Capriolo – MONTAGNE RUSSE di Progetto La Gare
Un uomo e una donna. Un bar a fine giornata e poi un appartamento. Un copione apparentemente già scritto, eppure, minuto dopo minuto, via via più inaspettato e imprevedibile. Una sfida, un gioco delle parti; ma di quale gioco si sta parlando? E quali carte sono davvero scoperte? Un intreccio di strategie raffinate e crudeli e, allo stesso tempo, un grande vuoto da colmare. Un faccia a faccia da vivere molto da vicino, come spettatori che guardano nella finestra di un dirimpettaio di casa, quasi seduti sul divano di quell’appartamento che non è il proprio, eppure, in qualche modo, potrebbe anche esserlo.

Infine, di nuovo teatro civile in collaborazione con il Comune di Bovezzo per ricordare i desaparecidos e le madri di Plaza de Mayo
Domenica 24 marzo ore 21.00 – Teatro Parrocchiale di Bovezzo – PIÙ DI MILLE GIOVEDÌ di Assemblea Teatro Ingresso gratuito.

Un lavoro realizzato con la consapevolezza che la storia delle Madres de Plaza de Mayo esige il rispetto verso chi ha dedicato la propria vita alla ricerca della verità e della giustizia. Sulla base di questa convinzione e sostenuti da un testo coraggioso scritto da Massimo Carlotto, è stato realizzato uno spettacolo di forte impatto emotivo. La vicenda è quella di una madre, ma è emblematica del dramma di tutte le Madres di Plaza de Mayo, perché ciascuna di esse è madre di tutti i desaparecidos. Il monologo è permeato dunque di una commovente coralità che indica la forza di queste donne negli anni bui della dittatura e in quelli della ritrovata “democrazia”, della crisi del “coralito” e di quelli successivi fino ai giorni nostri.

Ma, dicevamo, Il Telaio di Sera è anche circuitazione di propri spettacoli per pubblico adulto: Following Iago, Ritorneranno e l’ultima produzione L’Austriaca saranno in scena in numerosi spazi teatrali d’Italia. Informazioni aggiornate ogni mese su http://www.teatrotelaio.it/calendario.php


Le altre News

05 febbraio 2019

STORIE IN FAMIGLIA - CAMBIO TITOLO E LUOGO A MONTICELLI BRUSATI

14 gennaio 2019

STORIE IN FAMIGLIA 2018-19 - LA SECONDA PARTE!

14 gennaio 2019

14-19 gennaio - ABBRACCI a Philadelphia!

06 giugno 2018

LABORATORI per le SCUOLE e non solo...